Pronti a rientrare

Per vincere un campionato occorrono motivazioni, forza fisica e polivalenza. Ecco l’identikit di Francesco Indelicato, centrocampista biancazzurro, da sempre in forza al Belpasso. Classe 94, giocatore eclettico, in grado di giostrare in mezzo, a destra, da terzino: una sicurezza per l’allenatore. Attualmente ai box per infortunio, attende con ansia il rientro in campo per dare il proprio contributo a questo momento altalenante che la squadra dovrà superare per centrare l’obiettivo prefissato.

Quando sarai pronto a rientrare nei ranghi?
«Questo infortunio mi ha fatto perdere l’inizio della stagione. Ho tanta rabbia dentro perché, oltre a non poter giocare, non sono utile in questo momento di difficoltà. La rosa è ridotta dai troppi infortuni, compreso il mio. Non poter essere a disposizione del mister mi dà noia. Voglio essere utile alla causa al più presto. Manca poco al rientro, non vedo l’ora di ricominciare a correre e giocarmi il posto coi miei compagni ma non voglio bruciare le tappe per ricadere nuovamente in questa situazione. L’obiettivo personale è trasformare questa rabbia nella giusta grinta per assicurare carattere e solidità, elementi utili al bene della squadra».
Atteggiamento diverso rispetto al passato?
«Personalmente dò sempre il massimo, senza risparmiarmi. La rosa dell’anno scorso è stata rivoluzionata. Siamo rimasti in pochi e mi sento onorato per la riconferma. Sento fortemente la fiducia di mister Stella. La stagione passata non è andata bene, potevamo fare di più, anche se l’obiettivo salvezza, alla fine, è stato raggiunto. Il nostro allenatore è ripartito da quei ragazzi che si sono contraddistinti, e non solo in termini calcistici. La società ha aggiunto poi calciatori di valore per ripartire più forti, con un obiettivo ben stabilito».
Contro il Calatabiano però…
«La partita di sabato ha dimostrato a tutti che il campionato di Prima Categoria è difficoltoso, pieno di insidie e squadre comunque attrezzate. Tutti ci danno come squadra da battere e siamo consapevoli della nostra forza. Bisogna però esser pronti sia da un punto di vista fisico che mentale. Abbiamo dominato nel possesso, nel gioco, creando molte azioni da rete non concretizzate. Ma abbiamo preso 4 gol e non va sottovalutato. In questa sconfitta però non trovo solo aspetti negativi: probabilmente ci servirà per voltare pagina e creare maggiormente quell’amalgama che, comunque, è già tangibile nel nostro spogliatoio. Sono convinto che già dalla prossima gara si vedrà un approccio diverso al match e crescerà notevolmente la voglia di vincere».
Sembra proprio piacerti questo gruppo.
«Questo Belpasso ha qualità: mi rendo conto di giocare con gente di categoria superiore e mi trovo benissimo. Il gruppo mi dà la forza per migliorare e stare al passo coi più grandi. Con loro cercherò sempre di giocarmi il posto e sono a disposizione del mister sempre. Sono molti gli aspetti positivi ma, soprattutto, vedo uomini che considerano lo spogliatoio sacro e che aiutano ogni compagno in difficoltà. Elemento spesso mancante nella passata stagione».

Appuntamento sabato pomeriggio contro il Città di Acicatena per la seconda partita casalinga stagionale.

 

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in News. Contrassegna il permalink.