SETTORE-GIOVANILE-NAPOLI-5656 In chiaroscuro il week-end delle giovanili biancazzurre.

ALLIEVI. Pronto riscatto per l’undici di mister Fiammetta, dopo la brutta prestazione contro la Magica della scorsa settimana. In trasferta, a Priolo, contro l’Olympique i ragazzi hanno giocato alla grande sconfiggendo nettamente i diretti avversari. Il risultato di 4-1 non ammette repliche e rilancia le ambizioni di squadra e dirigenza. Ancora una volta il duo Longhitano-Pagliaro è stato determinante ai fini del risultato, senza però tralasciare le prestazioni di tutte le componenti che hanno preso parte al match. Sono bastati 15 minuti per passare in vantaggio, grazie ad un rapido scambio tra Colonna (altro faro essenziale al gioco del mister) e Longhitano che, con tecnica sopraffina, ha saltato il proprio marcatore presentandosi solo in area di rigore per battere l’estremo priolese. Lo stesso qualche minuto dopo coglie in pieno la traversa, mentre Colonna costringe un difensore a far fallo con conseguente rosso. La partita è dominata e ben controllata, fin quando un maldestro rinvio dell’estremo biancazzurro regala al bomber di casa la possibilità del pareggio. La squadra non si scolla ma continua a macinare gioco: Pagliaro, appena entrato, al primo affondo penetra in area e riporta in vantaggio il Belpasso. Passano 5 minuti e ancora Longhitano va a chiudere la partita. Il mister comincia a ruotare i propri effettivi: da segnalare Longo che con un delizioso pallonetto per poco non fa 4. Ma il gol arriva e lo sigla capitan Rosario Piemonte su assist dell’instancabile Pagliaro. A fine partita grande festa per il risultato, dopo una settimana di intensa fatica. 

Giovanissimi. Al San Gaetano il big match si chiude con una sonora sconfitta contro la corazzata San Pio X.  Il 6-1 non scoraggia comunque mister Mignemi pronto a ristabilire e infondere fiducia ai suoi. Il risultato infatti non è stato così scontato come può sembrare ma ha punito oltremodo i biancazzurri. Il gol del vantaggio ospite è arrivato infatti solo allo scadere del primo tempo, su palla inattiva (punizione dai 35 metri all’incrocio). Nel secondo tempo la squadra però si è scollata e ha concesso troppo, complice un evidente calo di concentrazione. Non si cercano alibi ma l’assenza di tre titolari ha contribuito non poco al risultato finale. Ciò nonostante, anche in questa partita, la squadra esce tra gli applausi per l’impegno profuso: il campionato è lunghissimo e si proverà a riprendere quella rotta che ha entusiasmato e posto il Belpasso tra le squadre da attenzionare.

 

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in News. Contrassegna il permalink.