Belpasso – Pachino 4-0

IMG_20150919_152431Un Belpasso bello e convincente ha confermato quanto previsto alla vigilia, battendo il Pachino in questa seconda giornata di campionato. La squadra ha giocato con determinazione fin dai primissimi secondi gioco, sovrastando gli avversari (al 30′ il conto degli angoli era 8-0), concretizzando le occasioni create, dominando a centrocampo, rischiando praticamente nulla nella fase difensiva. Mister Di Maria ha confermato le voci che lo vogliono tecnico offensivo, mandando in campo contemporaneamente Barberi, Randis, Giuffrida e Bonaccorsi. Tantissime le note positive dei biancazzurri: ha debuttato in porta Alessio Sciuto (classe 98); si è confermato Angelo Mascali sulla fascia; si è vista l’utilità di possedere un jolly come Oliveri (schierato terzino); la coppia centrale formata da Daidone e capitan Reale che ha imbottigliato gli attaccanti; in mezzo Orofino e Mazzarino hanno lottato e sgomitato per tutti i 90 minuti, sostenendo il modulo d’attacco con cattiveria agonistica e fisicità; il trio Barberi-Giuffrida (migliore in campo)-Bonaccorsi ha giocato con classe, creando azioni a raffica con imprevedibilità e rapidità d’azione; in avanti Randis è la certezza e il senso del gol che arricchisce lo score dei padroni di casa. Migliorato l’aspetto caratteriale con pochissime proteste e neanche un ammonito. Di fronte si è vista una squadra giovane e volenterosa ma il divario mostrato sul rettangolo di gioco è risultato incolmabile, anche quando il tecnico ha gettato nella mischia altri tre juniores di assicurato valore: Spampinato al centro della difesa (con spostamento di Reale sulla corsia di destra) è entrato subito in partita, giocando con la sicurezza del veterano; Bellia ha messo minuti nelle gambe, mostrando la sua crescita fisica e l’abilità conosciuta già con il settore giovanile; Castagna ha messo brio e vivacità, costringendo più volte gli avversari a fermarlo con le cattive (al 83′ ha saltato mezza squadra sulla corsia destra, partendo dal centrocampo). Al triplice fischio tanti applausi e abbracci, segno di un gruppo coeso e voglioso di vincere.

la cronaca. Al 1′ un angolo da sinistra vede Giuffrida colpire di testa e sfiorare il palo. Al 4′, dopo altri due corner molto pericolosi, una punizione di Giuffrida permette a Paladino di esaltarsi, deviando in corner; dalla bandierina Randis stoppa e calcia al volo ma la sfera lambisce il legno. Al 8′ un cross da sinistra trova pronto Barberi che prova in acrobazia ma Paladino, a fatica, salva in angolo. Al 19′ Bonaccorsi, spostatosi sulla fascia di destra, si accentra e scarica su Giuffrida che, da fuori area, alza la testa e piazza da 20 metri il colpo del vantaggio, lasciando impietrito il portiere. Al 27′ Bonaccorsi fa la barba al palo con un colpo di testa da corner di Giuffrida. La prima traccia del Pachino al 30′ con Di Pasquale ma il tiro è alto. Al 33′ arriva il raddoppio: azione personale in velocità di Barberi che salta due uomini sulla sinistra, entra in area e appoggia per l’accorrente Oliveri che non sbaglia. Al 38′ Barberi taglia la difesa con un assist al bacio per Bonaccorsi che solo contro Paladino alza di poco alto. Al 40′ Randis appoggia per Barberi che prova in corsa ma la palla esce appena a lato. Nella ripresa il copione non cambia. Al 49′ unica incertezza difensiva che su un cross da sinistra lascia Mammana libero di colpire di testa a centroarea ma il tiro è alto. Giro di lancette e 3-0: da destra Bonaccorsi crossa al bacio per Randis che di testa centra Paladino, la palla resta li e lo stesso bomber scaglia con rabbia sotto la traversa. Al 55′ Randis si accentra e prova col sinistro ma Paladino respinge. Al 64′ un lungo lancio dalla difesa trova pronto Barberi che si invola sulla sinistra, salta il marcatore e prova al secondo palo ma Paladino respinge miracolosamente. Al 70′ l’arbitro sale in cattedra fischiando un retropassaggio col ginocchio parato da Sciuto: la punizione in area però è deviata in corner. Al 72′ e al 75′ è Mascali a provare, in fotocopia, la via del gol ma il portiere si esalta. Al 77′ Bonaccorsi libera Randis, sfuggito al fuorigioco, che solo segna un rigore in movimento (4-0). Al 86′ Vittoriosio solo al secondo palo spreca il gol della bandiera, calciando fuori. 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in News. Contrassegna il permalink.